Che si resti in città o si parta per le vacanze, il caldo dei mesi estivi può essere pericoloso. Per non farsi sopraffare dalla spossatezza, una giusta integrazione può essere indicata, insieme a una serie di buone regole di comportamento.
Le ricorda Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) in un vademecum che riassume consigli e rimedi che il farmacista può dispensare ai suoi clienti.

Per non incorrere in collassi da calore (dovuti ad un’eccessiva e rapida perdita di liquidi e sali per il forte caldo) è importante bere spesso, soprattutto acqua. Evitare gli alcolici, non eccedere con i caffè e con gli alimenti troppo ricchi, meglio frutta e verdure che contribuiscono all’idratazione dell’organismo e, comunque, evitare di uscire o praticare attività sportive nelle ore centrali della giornata. Vestirsi leggeri ma proteggere collo e gola dal getto diretto dei condizionatori, coprire il capo con cappellini ed evitare eccessivi sbalzi di temperatura, cioè non impostare il condizionatore a temperature inferiori di 5-6 gradi da quelli esterne.

E per eventuali disturbi transitori affidarsi a integratori di Sali e minerali e all’automedicazione con farmaci antinfiammatori topici e sistemici, antipiretici, spray nasali decongestionati, disinfettanti per il cavo orale.